L'Osteopatia applicata alla Lombalgia

L'80% della popolazione soffre di Lombalgia anche in modo abbastanza continuativo o frequente. Tale quadro sintomatologico viene anche definito in inglese "low back pain" ossia dolore alla parte bassa della colonna.

È stato dimostrato che le persone comprese tra i 30 e i 50 anni sono le più colpite da dolore lombalgico. Non sempre la causa del dolore risiede nel luogo in cui questo si manifesta infatti, come spesso accade per la lombalgia, l'origine della sintomatologia può essere ricondotta a disfunzioni viscerali, fasciali, emotive e neurovegetative.

In pazienti affetti da lombalgia si possono riscontrare fenomeni di degenerazione discale. Questa rappresenta una perdita del contenuto idrico a livello dei dischi intervertebrali con diverse conseguenze quali: compressione delle strutture nervose, riduzione della capacità di ammortizzazione dei dischi, avvicinamento dei corpi vertebrali, fuoriuscita del nucleo polposo "ernia del disco", generando inevitabilmente dolore.

A volte al "mal di schiena" si associa l'invalidante Sciatalgia quando il dolore si propaga sul gluteo, lungo la coscia, la gamba e il più delle volte nella parte interna del piede fino ad arrivare all'alluce.

Ricerca della causa della Lombalgia

Anni di studi e di esperienze sul campo hanno portato ad affermare che il più delle volte la causa del "mal di schiena" non è a carico della colonna vertebrale e per questo motivo spesso il paziente non è consapevole della vera origine del dolore. 

Ad esempio si può risalire a:

  • una distorsione avvenuta tanti anni prima rispetto alla comparsa del dolore e mai risolta veramente
  • un limite articolare di un'anca che, a meno che non vengono svolti determinati movimenti, il paziente da solo non può rendersene conto
  • spasmi viscerali del colon, di un rene, una congestione pelvica o qualsiasi altro quadro clinico viscerale senza avvertire alcun sintomo a carico dell'organo in disfunzione
  • esiti cicatriziali (da taglio cesareo o appendicectomia) anche molto vecchie che possono creare aderenze e interferenze con il sistema miofasciale del corpo
  • sbagliate posture assunte durante l'attività lavorativa o un'alimentazione alterata

Come si evince da questi pochi esempi le cause possibili sono molteplici e di diversa natura, ciò non permette di stilare un elenco preciso e accurato delle origini che conducono ad una lombalgia.

Intervento Osteopatico nella Lombalgia

In un quadro simile diventa di fondamentale importanza l'intervento osteopatico che, basandosi su abilità palpatorie integrate alla conoscenza olistica, favorisce l'individuazione delle cause che concorrono all'instaurarsi della sintomatologia.

Soltanto dopo una accurata prima fase che si basa su anamnesi, osservazione e valutazione l'osteopata è in grado di decidere quale è il percorso terapeutico migliore da intraprendere con il paziente. Ove necessario l'osteopata si avvale di più approfondite valutazioni tipo RMN, TAC, e tende a promuovere una collaborazione e un lavoro in equipe con altri specialisti di diversi settori (Neurologi, Ortopedici, etc).

Ormai diversi articoli scientifici dimostrano come l'approccio osteopatico sia di completa risoluzione o di grande aiuto alla gestione del dolore lombalgico.

Richiedi Informazioni

Chiama il centralino di Fisiomedical Caravaggio per richiedere le informazioni di cui hai bisogno, oppure scrivi un'email all'indirizzo di seguito indicato:
06-5940940

News

L'Osteopatia applicata alla Lombalgia

20-04-2020

L'80% della popolazione soffre di Lombalgia anche in modo abbastanza continuativo o frequente. Tale quadro sintomatologico viene anche... continua

Cefalea Muscolo Tensiva - Trattamento dei TrPs e della Fascia

14-04-2020

A volte un colpo d'aria, un movimento sbagliato, troppe ore davanti al computer con una postura scorretta, stress... continua

L'Artrosi dell'anca

10-04-2020

DEFINIZIONE L'Artrosi è una malattia cronico-degenerativa dovuta ad una progressiva alterazione delle cartilagini articolari. Se questo processo si... continua